La sigaretta elettronica migliore: qual è il modello perfetto?

Il mercato delle sigarette elettroniche è uno dei più fiorenti e vasti. I produttori di e-cig continuano a proporre nuovi modelli che si fanno concorrenza a vicenda con l’obiettivo di riuscire a creare un prodotto perfetto, la migliore sigaretta elettronica, quella che tutti i vaper vorrebbero provare nella loro vita. Le e-cigarette sono composte da tanti pezzi diversi che nell’insieme permettono un corretto funzionamento di questo miracolo dell’ingegneria.
Per acquistare la sigaretta elettronica migliore dovrai valutare tutti i componenti quali la batteria, l’ atomizzatore, il drip tip e in fine i liquidi e gli aromi. 
In quest’articolo valuteremo alcuni dei modelli più efficaci, e cercheremo di capire quale dispositivo sia più indicato alle tue esigenze.

Qual è la migliore sigaretta elettronica? Ecco quattro modelli imperdibili!

migliore sigaretta elettronica - Justfog Q16Kit
Justfog Q16 Kit
Qualità prezzo
95%
Vapore
90%
Facilità d'uso
80%
Durata della batteria
90%
Ipha Zing Pod Mod Kit
Ipha Zing Pod Mod
Qualità prezzo
100%
Vapore
85%
Facilità d'uso
95%
Durata della batteria
75%
Joyetech Exceed Grip - Top 2 migliore sigaretta elettronica
Joyetech Exceed Grip
Qualità prezzo
90%
Vapore
90%
Facilità d'uso
85%
Durata della batteria
85%
Eleaf iStick Pico X con Melo 4 Kit
Eleaf Istick Pico X Kit
Qualità prezzo
90%
Vapore
100%
Facilità d'uso
75%
Durata della batteria
90%

Visto l’elevato numero di modelli di sigaretta elettronica, vogliamo aiutarti a scegliere tra quattro prodotti che secondo noi fanno parte delle migliori sigarette elettroniche che troviamo sul mercato. Sono quattro modelli molto diversi tra loro con prestazioni diverse, da scegliere a secondo dell’utilizzo e del tipo di vaper che sei.

1. Justfog Q16 Starter Kit

migliore sigaretta elettronica - Justfog Q16Kit
Justfog Q16 Kit la sigaretta elettronica che ha aiutato migliaia di fumatori a smettere!

Il modello Q16 è la sigaretta elettronica migliore in casa Justfog. Ha un design elegante, con linee fluide e leggere. Il Kit comprende la batteria J-easy 3 da 900 mAh, cleromizzatore Q16 da 2 ml in vetro pyrex, 2 coil (testine) e cavetto per la ricarica con uscita USB. È caratterizzato da un’ottima qualità e l’anello alla base permette di regolare il flusso d’aria.  È un kit perfetto e facile da utilizzare sia per i principianti che vogliono smettere di fumare e cercano un modello semplicissimo da utilizzare e di dimensioni discrete, sia per gli amanti dello svapo. Ha una resa aromatica molto buona, così come la durata della batteria se si usa in modo moderato. Emette una grande quantità di vapore anche impostandola alla minima potenza. Il tiro e la potenza s’imposta facilmente con gli appositi tasti. Per svapare basta tenere premuto il pulsante e rilasciarlo una volta finito di aspirare.  

Si può scegliere tra due tipi di testine: 

  1. 1.6ohm (guarnizione nera) la “classica”, inclusa nel kit
  2.  1.2ohm (guarnizione rossa) un po più spinta, da comprare separatamente.

Si consiglia di utilizzare liquidi 50/50, ovvero non troppo densi, altrimenti potresti non ottenere il massimo della resa da questa sigaretta.

In conclusione Il kit Q16 è la sigaretta elettronica ideale per smettere di fumare. Semplice da usare con le funzionalità minime per personalizzare il tipo di tiro. L’unica pecca è la ricarica del liquido che necessita di smontare l’atomizzatore dalla batteria. I ricambi sono facili da reperire (online, negozi di svapo e anche tabaccherie!) vista la grande diffusione di questo dispositivo.

2. Ipha Zing Pod Mod Kit

Ipha Zing Pod Mod Kit
Ipha Zing La pod mod più elegante e discreta in commercio

Entra direttamente in seconda posizione la Ipha Zing una piccola pod mod che ci ha impressionato positivamente. La Zing è una piccola sigaretta elettronica con pod a sistema aperto, il design è molto elegante e minimale con la scocca realizzata interamente in alluminio anonizzato molto ben rifinita e leggerissima. Le dimensioni sono ottimali e risulta molto discreta e facilissima da usare.

La pod mod ha una batteria integrata da 350mAh, che garantisce fino a mezza giornata di utilizzo (sempre in base all’utilizzo che se ne fa!) si ricarica velocemente tramite la porta USB ( può essere utilizzata anche durante la ricarica).
L’attivazione è senza pulsante (in gergo automatica): basta aspirare dal drip tip per svapare. L’attivazione automatica è molto reattiva e veloce.
Il tipo di tiro è chiuso (tiro di guancia) quindi ideale per chi si avvicina alla sigaretta elettronica da quelle tradizionali.
La pod è ricaricabile con liquido a piacimento e contiene 2ml di liquido. Si ricarica dal basso tramite dei fori chiusi da un tappo. Durante le nostre prove non abbiamo riscontrato problemi di perdite (tranne qualche traccia di condensa alla base della cartuccia/pod), quindi il dispositivo risulta anche molto “pulito”.

La testina usa una coil/resistenza da 0.8ohm in acciaio SS316 che garantisce ottime performance in termini di vapore prodotto e di resa aromatica.

Inoltre la Ipha Zing dispone di un utilissimo sistema di Dry Hit Protection che è in grado di “fermare” il dispositivo quando finisce il liquido in modo da evitare che si bruci la testina.

In conclusione: Una piccola pod mod molto bella, elegante e discerta ideale per chi vuole iniziare ad usare la sigaretta elettronica senza pensieri. Facile da usare e con una manutenzione minima. Il costo sia del dispositivo sia dei ricambi (cartcce pod) è appetibile e alla portata di tutti.

3. Joyetech Exceed Grip

Joyetech Exceed Grip - Top 2 migliore sigaretta elettronica
Exceed Grip piccola e performante new entry del 2019

La Joyetech Exceed Grip è una delle migliori sigarette elettroniche presentate nel 2019.
A metà strada tra una pod mod e una Box Mod, vanta delle dimensioni ridotte ma una qualità costruttiva degne di nota.

Molto maneggevole e leggerissima (solo 74gr) con la scocca realizzata in alluminio e gli sportelli laterali in policarbonato. E’ dotata di una batteria integrata da 100mAh con una potenza massima in uscita di 20W.
Il sistema di pod/cartucce con testine sostituibili è ben costruito e permette di scegliere tra due coil:

  • una da 0.4ohm ideale per flavor chasing
  • una da 0.8hm per tiro di guancia MTL

In entrambi i casi comunque il tiro non è troppo chiuso: la svapata risulta molto piacevole. Le testine funzionano bene sia con i liquidi 50/50 che 70/30.
Molto semplice da usare, nonostante non abbia controlli avanzati comunque ha un’erogazione ben calibrata ed efficace.

In conclusione Un dispositivo piccolo e semplice ma molto performante che è in grado di soddisfare il neo svapatore ma anche l’utente più esperto. Un valido candidato come migliore sigaretta elettronica 2019. Provare per credere!

4. Eleaf Istick Pico X con Melo 4 Kit

La sigaretta elettronica Eleaf iStick Pico X è l’aggiornamento 2019 della famosa Pico 75W. Il dispositivo di maggior successo della Eleaf marchio leader del settore. Questa e-cig è ideale per chi utlizza già un dispositivo entry level e vuole passare ad un dispositivo più avanzato. Il neofita potrebbe avere qualche difficoltà e quindi la sconsigliamo.
La pico non dispone di batteria integrata ma monta una pila ricaricabile 18650 che va acquistata separatamente, insieme ad un caricatore esterno (scelta consigliata).

A corredo con la box mod troviamo l’atomizzatore a testine Melo 4 per tiro polmonare (DL) con capacità di 2ml con ricarica dall’alto, quindi molto pratica. Il parco testine è molto ampio si può scegliere nalle famiglia di coil Melo.

La potenza massima erogata è di 75W e può essere impostata in VW, TC, VV e Bypass. La produzione di vapore è notevole, ed è possibile svapare anche liquidi densi (70/30).

Il kit nel complesso ha un design molto compatto e accattivante, motivo del grande successo, ed è un vero must have per gli appassionati dello svapo.

Eleaf iStick Pico X con Melo 4 Kit
La Box Mod più amata dagli hard vapers!

In conclusione questo dispositivo ha un rapporto qualità prezzo veramente buono, le funzionalità sono tante e consolidate (questa è l’ultima di una lunga serie di dispositivi Pico), sicuramente è un prodotto che consigliamo ad un pubblico che ha già dimestichezza con il fumo elettronico.

5. Justfog Minifit Pod Mod

Justfog Minifit pod mod
justfog Minifit la più piccola ecig in commercio, la pod mod che vi stupirà

Justfog è un’azienda coreana tra le più importanti nel settore. Specializzata nei dispositivi per principianti è famosa per aver prodotto sigarette elettroniche veramente efficaci. Con la Minifit non si smentisce e stupisce: porta sul mercato una pod mod dalle dimensioni veramente ridotte e con prestazioni eccezionali!
La minifit è lunga solo 7cm (è molto simile ad una chiavetta usb), ha una batteria integrata da 370mAh e utilizza pod ricaricabili da 1.9ml di liquido.

La produzione di vapore è eccellente, naturalmente la concentrazione di nicotina deve essere di almeno 9mg/ml.  La batteria non riesce a coprire un’intera giornata ma si riesce a ricaricarla (porta micro usb) in poco più di 30 minuti (si puo utilizzare anche quando è in fase di ricarica).

Le cartucce/pod sono di facile reperibilità (online, vapeshop e tabaccherie) e ultimamente si trovano anche gia refillate di liquido (vedi pod minifit by vaporart).

In conclusione una sigaretta elettronica per tutti sia neofiti sia esperti che vogliono portarsi dietro un dispositivo piccolo ma efficace. Occhio a non perderla… è veramente facile!
Il prezzo è contenuto, tra le 15 e 20€. Infatti consigliamo di acquistare una seconda batteria “muletto” da portare per non restare senza carica.

6. Innokin CoolFire Mini con Zenith D22

Uno dei dispositivi più venduti della Innokin, storico marchio di sigarette elettroniche. Questo kit è formato da una box mod Coolfire Mini e dall’atomizzatore Zenith D22. Il kit ha dimensioni contenute il che la rende maneggevole e poco ingombrante, con tante funzionalità che la rendono un buon compromesso tra funzionalità e praticità.
La box mod Coolfire Mini ha una batteria integrata da 1300mAh, che garantisce una buona autonomia e si ricarica tramite porta micro-usb (come quella dello smartphomne!). Si puo impostare la potenza in uscita in modo da calibrare la quantità e il calore del vapore, fino ad un massimo di 40W.  Inoltre dispone di tutte le protezioni necessarie per uno svapo in sicurezza.
Il kit comprende, inoltre, lo Zenith D22 (diametro 22mm) l’atomizzatore a testina per tiro di guancia (MTL mouth-to-lunge) più apprezzato da tutti gli svapatori, anche i più esigenti; Garantisce un tiro simile a quello di una sigaretta tradizionale. Il serbatoio dello Zenith contiene 2ml di liquido ed ha uno dei sistemi di ricarica dall’alto più pratici in commercio.
Questo atomizzatore ha due tipi di testine tra cui scegliere:

  1. Una da 1.6ohm per tiro di guancia (MTL molto simile alla sigaretta) che genera un vapore tiepido con potenze tra 10 e 14W;
  2. Una da 0.5ohm per un tiro più arioso quasi polmonare (DL direct-lunge) con una produzione di vapore abbondante e più caldo con potenze tra i 14 e 19W.
Innokin coolfire mini con zenith d22 la box mod entry level migliore in circolazione
Innokin Coolfire Mini con Zenith una tra le migliori sigarette elettroniche Box Mod per principianti

In conclusione un ottimo kit per iniziare a svapare (e abbandonare le bionde) con un prodotto di qualità e versatile in quanto si ha la possibilità di personalizzare il tipo di svapo ma allo stesso tempo facile da usare. 

I componenti della sigaretta elettronica

I migliori prodotti si giudicano dai singoli componenti che nell’insieme creano un dispositivo ad hoc. I componenti della sigaretta elettronica sono: l’atomizzatore (che comprende drip tip, testina/coil e serbatoio), la batteria e i liquidi con o senza nicotina. Ci sono modelli monouso e altri composti da parti sostituibili che vengono cambiate dopo un tot di tempo, che varia a secondo dell’utilizzo che se ne fa.  Alcuni dispositivi permettono di cambiare i componenti con pezzi di altri modelli (ad esempio drip-tip o le testine), adattandosi alla perfezione alla sigaretta modificando così l’esperienza di svapo.

Atomizzatore: fondamentale per la vaporizzazione

L’atomizzatore della sigaretta elettronica è quel componente che funge da serbatoio e permette al liquido presente  di essere vaporizzato e poi inalato dall’utente. Solitamente è realizzato con una lega di metallo leggera ma resistente agli urti e alle cadute, e da una finestrella di vetro che consente al fumatore di controllare il liquido all’interno. 

All’interno dell’atomizzatore vi è poi una resistenza elettrica (testina o coil) intercambiabile e della fibra di cotone che veicola il liquido all’interno della coil. Questo va rimpiazzato ogni 15-20 giorni. 

Esistono quattro tipologie di atomizzatori: a testine, pod, rigenerabile e dripper. i modelli più semplici da usare sono quelle a testine o le pod.

Esempio di atomizzatore per sigaretta elettronica

Drip tip: senza non puoi svapare

Il drip tip è la parte della sigaretta elettronica che permette di aspirare il vapore prodotto. In pratica è quel tubicino che si avvicina alle labbra (boccaglio). Ne esistono molti tipi diversi, sia per forma che per materiale. È un componente che può fare realmente la differenza quando si tratta di svapare, poiché permette di recepire il fumo più caldo o più freddo. I modelli più in uso sono il wide bore che permette di avere un tiro di polmone più forte e il drip tip con valvola d’immissione ad aria. Tra i materiali più in uso abbiamo il metallo, la plastica, la resina o la pietra ceramica.

Resistenza o testina

La resistenza della sigaretta elettronica è un componente essenziale per il corretto funzionamento. È chiamata anche coil (avvolto) perchè è un filo metallico avvolto in spire che genera una resistenza elettrica espressa in ohm. Più è basso il valore di ohm più è alto il livello di vapore generato. È il cuore della sigaretta elettrica: grazie all’energia erogata dalla batteria (o box) vaporizza il liquido, che gli viene trasferito dal cotone che si trova al suo interno. L’insieme di coil, cotone e connettore elettrico viene chiamata testina. La testina deve essere cambiata regolarmente, in base all’utilizzo che se ne fa.

Batteria: il dispositivo elettronico che fornisce energia

La batteria per sigaretta elettronica è un componente essenziale, è proprio questo componente che attiva il dispositivo. La maggior parte sono ricaricabili e si possono riutilizzare tantissime volte. La batteria alimenta il coil che si trova all’interno dell’atomizzatore. Una volta che questo si riscalda, il liquido si trasforma in vapore che verrà poi inalato. Le batterie sono a base di litio, ioni che consentono al dispositivo di durare di più rispetto alle altre batterie che si utilizzano solitamente per le macchine fotografiche o gli orologi ad esempio. L’accensione avviene tramite un pulsante o tramite un sensore. Alcuni modelli di sigaretta elettronica hanno uno smart chip che consente di rilevare il livello di batteria tramite un led.

Liquidi e aromi con o senza nicotina

I liquidi per sigaretta elettronica sono composti da una base di glicerina vegetale e glicole propilenico. Si miscelano in quantità 50/50 oppure 70/30. A questo si aggiunte la quantità di nicotina desiderata e gli aromi che rendono il vapore più piacevole da inalare. Sono disponibili sul mercato due tipologie di liquidi, quelli già pronti per l’utilizzo e quelli composti dalla base a cui verrà poi aggiunta la nicotina e gli aromi nella quantità a scelta.

le componenti della sigaretta elettronica

Scopriamo come funziona la sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica all’apparenza funziona in modo molto semplice, ma nel complesso è qualcosa di più articolato di quel che sembra. Il fumatore essendo abituato a compiere pochi gesti per fumare, cerca nella sostituzione della sigaretta classica, quella con il tabacco, un dispositivo che hai bisogno di poca manutenzione e solo un tasto da premere per attivare l’e-cig.

Quando il fumatore aspira dal drip tip si attiva un sensore che a sua volta attiva la batteria (nei sistemi con attivazione automatica) che alimenterà di conseguenza il vaporizzatore con un voltaggio standard. Quando la corrente passa all’interno dell’atomizzatore, si riscalda la resistenza che a sua volta riscalderà il liquido presente nel serbatoio, creando il classico fumo che sarà poi inalato ed espirato da vaper.

Il fumatore percepisce una sensazione simile a quella delle sigarette classiche, poiché il gesto di aspirare rimane lo stesso, anche se in tal caso il fumo avrà un sapore differente dal tabacco bruciato, in particolare quando si utilizzano gusti alla frutta o al sapore di cibi.

All’accensione della batteria, quando il led indica una sola tacchetta accesa, è giunto il momento di ricaricare la sigaretta. La ricarica varia a seconda della batteria. Più grande e potente è la batteria, maggior tempo di ricarica ha bisogno. Solitamente hanno un attacco USB e si ricaricano facilmente sia tramite le porte del pc fisso o portatile, sia con trasformatore per ricaricare il dispositivo direttamente in corrente. Ora che abbiamo scoperto come funziona la sigaretta elettronica passiamo a quelli che sono i pro e contro del suo utilizzo

Pro e contro della sigaretta elettronica

Scopriamo insieme quali sono i pro e contro delle sigarette elettroniche:

Pro

  • Aiuta gradualmente a smettere di fumare
  • Si può scegliere la quantità di nicotina da assumere
  • Non si ispirano i fumi tossici del catrame e delle altre sostanze
  • Non vi è la mancanza delle sigarette tradizionali grazie alla stessa gestualità tipica

Contro

  • Vi è produzione di formaldeide in piccolissime quantità
  • Manutenzione dei singoli componenti
ragazzo fuma la migliore sigaretta elettronica

E' vero che la sigaretta elettronica esplode?

Ci sono due modi per rispondere a questa domanda, la prima è superficiale, e la risposta è si, la sigaretta elettronica scoppia in faccia, a volte, così come un qualsiasi dispositivo dotato di batteria, come lo è un pc portatile, uno smartphone o il tablet. Analizzando invece il problema nel dettaglio, possiamo dire che c’è il rischio che la sigaretta elettronica esploda soltanto nel caso di utilizzo di sistemi “meccanici” e non si sia a conoscenza di come utilizzarla al meglio. Ma parliamo di dispositivi avanzati per hard vapers. Utilizzando un dispositivo entry-level con controlli elettronici, nel modo corretto, questo rischio è realmente remoto.

Se invece si spinge la batteria oltre i limiti fisici, così come accade per tutte le batterie, anche quella della sigaretta elettronica esplode. È un problema che si potrebbe presentare qualora venissero utilizzate batterie di bassa e indubbia qualità, e il fenomeno sarebbe circoscritto ai soli dispositivi meccanici. Inoltre in commercio sono disponibili batterie dotate di circuito interno che in caso di problemi impediscono alla batteria di esplodere, lasciando semplicemente fuoriuscire i gas contenuti.

Sigaretta elettronica: quale scegliere?

Fornire una lista delle migliori sigarette elettroniche è piuttosto facile, ma quale sigaretta elettronica scegliere tra i quattro modelli di cui abbiamo parlato è un’impresa abbastanza complicata. I kit pronti sono sicuramente la soluzione più veloce, sicura e meno impegnativa se ti affacci per la prima volta in questo settore. Considera che alla prima esperienza potresti trovare qualche difficoltà nell’assemblare i singoli componenti. Se invece non sei alle prime armi puoi lo stesso partire da un kit base di buona qualità e cambiare i componenti che ritieni meno prestanti. Infondo, una delle caratteristiche più apprezzate delle sigarette elettroniche di ultima generazione è proprio l’intercambiabilità dei pezzi. Per farlo ti basta avere nozioni di base dei singoli componenti, conoscere l’assemblaggio base e seguire le indicazioni. Con il passare del tempo diventerai sempre più esperto tanto da poter creare un modello fai da te, mettendo insieme i singoli pezzi di tutte le migliori sigarette elettroniche che avrai provato nel tempo.

Prezzi vantaggiosi e alla portata di tutti

Il prezzo della sigaretta elettronica varia a secondo delle singole parti che la compongono. Ovviamente utilizzando un materiale di alta qualità il costo del kit aumenterà, ma ti assicurerà maggiori prestazioni e minori possibilità di danno o fuoriuscita del liquido dalla cartuccia. Il prezzo delle migliori marche di sigarette elettroniche va da un minimo di 25 euro ad un massimo di 60 euro. Il costo è giustificato dalla singole caratteristiche che ogni dispositivo offre. Ad esempio una batteria dai 900 mAh è sicuramente meno costo di una da 3000 mAh. Anche il tipo di atomizzatore montato, la resistenza e i materiali, incidono in modo significativo.

le migliori sigarette elettroniche del 2018

Conclusioni

Scegliere la miglior sigaretta elettronica non è semplice, ma sicuramente non impossibile. Questo dispositivo di ultima generazione è la miglior soluzione se si vuole smettere di fumare il tabacco e diminuire in modo graduale l’assunzione di nicotina. I kit delle principali case produttrici sono un’alternativa veloce e sicura se si è alle prime armi. Il nostro consiglio è di valutare le proprie necessità e di conseguenza calcolare il miglior rapporto qualità/prezzo del prodotto.